Comune di Malnate

Font Size

Cpanel
Sopra

TIA Tariffa Igiene Ambientale

Responsabile: Susanna MATERNINI

A partire dal 01/07/2006 la gestione integrata dei servizi di igiene urbana smaltimento rifiuti solidi urbani e tariffazione è stata affidata alla società ECONORD spa di Varese.
Alla pagina ufficio tutela ambientale sono a disposizione tutte le informazioni relative al servizio di raccolta e smaltimento.

La tariffa, a differenza della tassa, deve coprire integralmente i costi del servizio di gestione dei rifiuti e viene calcolata oltre che sulla base della superficie delle abitazioni o locali a disposizione anche, per le utenze domestiche, in ragione dei componenti il nucleo familiare.
La disciplina per l’applicazione della T.I.A. é contenuta nel Regolamento per l’istituzione e l’applicazione della tariffa approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 15 del 22/03/2005, con modifica atto di Consiglio Comunale n. 26 del 28/03/2006.
Le tariffe in vigore per l’anno 2006, invece, sono state determinate con deliberazione consiliare n. 14 del 16/02/2006 utilizzando  il metodo normalizzato. All’importo determinato ai sensi della deliberazione citata dovrà essere aggiunta l’I.V.A., nella misura del 10%, ed il tributo provinciale nella misura del 5%.
La normativa nazionale di riferimento è costituita da:
- Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (c.d. Decreto Ronchi);
- Decreto Presidente della Repubblica 27 aprile n. 158 (Norme per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani);

La T.I.A prevede due classi di utenze distinte:
a) utenze domestiche;
b) utenze non domestiche.
La tariffa è la somma di due quote:
QUOTA VARIABILE rapportata alla quantità dei rifiuti complessivamente prodotti nel territorio del Comune di Malnate ed alle caratteristiche del servizio offerto.
QUOTA FISSA quantificata in base ai costi fissi del servizio di gestione dei rifiuti urbani, ad esempio lo spazzamento stradale.
LISTINO UTENZA DOMESTICA Categoria 100 anno 2006
COMPONENTI - PARTE FISSA €/MQ anno - PARTE VARIABILE €/anno
1 - 0,835995 - 34,768678
2 - 0,982294 - 62,583619
3 - 1,097243 - 73,014221
4 - 1,191292 - 83,444831
5 - 1,285342 - 100,82917
6 e oltre - 1,358491 - 128,644111

COME SI CALCOLA LA TARIFFA per una famiglia residente
Si moltiplica la quota fissa, che è determinata in relazione al numero degli occupanti, per i metri quadrati dell’abitazione e si aggiunge la quota variabile, determinata anch’essa in relazione al numero degli occupanti.
Esempio, se la famiglia è composta da tre persone ed abita in un appartamento di 100 metri quadrati:
(1,097243 € x mq. 100) + 73,014221 + 10% + 5% = € 210,15
Quota fissa x superficie + quota variabile + I.V.A. + addizionale provinciale
Con il compostaggio domestico pagherà invece € 184,96
COME SI CALCOLA LA TARIFFA per una famiglia non residente
Per i non residenti e nel caso di abitazioni tenute a disposizione (seconde case) il numero degli occupanti è stato determinato in via presuntiva in 3 (art.9 comma 2 del regolamento comunale), applicando la riduzione del 50% sulla quota variabile.
Pertanto, per un’abitazione di 100 mq. la tariffa annua è così determinata:
(1,097243 € x mq. 100) + 36,5071105 + 10% + 5% = € 168,17
Quota fissa x superficie + quota variabile + I.V.A. + addizionale provinciale

INFORMAZIONI GENERALI
METRI QUADRATI:
La superficie dei locali si calcola con riferimento alla superficie abitabile, sul filo interno dei muri, escluse le pareti. Si devono considerare anche il garage, la mansarda, il ripostiglio, lo stenditoio, la lavanderia, cantina, ecc..Si devono escludere, invece, i locali come il locale caldaia e altri locali tecnologici, nonché le aree pertinenziali o accessorie come balconi, terrazze, posti macchina scoperti, aree verdi (giardini).
RIDUZIONI:
- Meno 30% della quota variabile per il compostaggio domestico della frazione umida dei rifiuti (compostiera per ogni singolo nucleo familiare);
- Meno 50% della quota variabile per abitazioni tenute a disposizione (seconde case), per alloggi a disposizione dei cittadini residenti o dimoranti all’estero.
- Meno 50% della quota variabile per la costruzione rurale occupata dall’utente coltivatore diretto o agricoltore
VARIAZIONI:
Si deve presentare la comunicazione entro i 30 giorni successivi alla data di variazione.
Per variazione si intende:
- l’occupazione di nuovi locali, anche a seguito di cambio di abitazione o residenza;
- una maggiore o minore superficie dell’abitazione e/o garage;
- il venir meno delle condizioni necessarie per le agevolazioni;
entro gli stessi termini possono essere richieste le riduzioni previste dal regolamento per la gestione tariffa.
CESSAZIONI:
Se non si occupa l’abitazione si deve presentare la comunicazione di cessazione entro 30 giorni da tale avvenimento.
PAGAMENTO:
Per quanto riguarda il pagamento, il cittadino riceverà le fatture presso il proprio domicilio.

PASSAGGIO DA TASSA A TARIFFA UTENZE NON DOMESTICHE
Ai fini della T.I.A. il Comune di Malnate ha individuato n. 31 categorie di utenza non domestica le cui tariffe sono di seguito riportate:

LISTINO UTENZE NON DOMESTICHE ANNO 2006
 parte fìssa€/mq anno - parte variabile €/mq anno - tariffa€/mq anno
101 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi culto 0,846291 - 0,551358 - 1,397649
102 Cinematografi e teatri 1,144410 - 0,629480 - 1,773890
103 Autorimesse e magazzinisenza alcuna vendita diretta 2,031098 - 1,080663 - 3,111761
104 Campeggi, distributori carburanteimpianti sportivi 1,692581 - 1,102717 - 2,795298
105 Stabilimenti balneari, stazione ferroviaria 1,599040 - 0,872880 - 2,471920
106 Esposizioni ed autosaloni 4,062195 - 1,543804 - 5,605999
107 Alberghi con ristorante 4,452240 - 2,444490 - 6,896730
108 Alberghi senza ristorante 3,182410 - 1,745770 - 4,928180
109 Case di cura e riposo, caserme,ricoveri, carceri, collegi, circoli 
0,846291 - 0,882173 - 1,728464
110 Ospedale 3,994492 - 2,134860 - 6,129352
111 Ambulatori, veterinari, studi medici, laboratori analisi 3,994492 - 2,134860 - 6,129352
112 Uffici, agenzie, studi professionali 5,145447 - 2,745765 - 7,891212
113 Banche ed istituti di credito 5,145447 - 2,745765 - 7,891212
114 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria ferramentaed altri beni durevoli 
4,773079 - 2,547276 - 7,320355
115 Edicola, tabaccaio, plurilicenze, farmacia 6,093292 - 3,259631 - 9,352923
116 Negozi particolari quali:filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 
2,420391 - 1,293487 - 3,713878
117 Banchi di mercato di beni durevoli 4,857708 - 2,589179 - 7,446887
118 Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista 
5,010040 - 2,672986 - 7,683026
119 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, fabbro, idraulico, elettricista, calzolaio
4,773079 - 2,547276 - 7,320355
120 Carrozzeria, autofficina, elettrauto 4,773079 - 2,547276 - 7,320355
121 Attività industriali con capannone di produzione 2,200355 - 1,175496 - 3,375851
122 Attività artigianali di produzione di beni specifici 3,689827 - 1,965041 - 5,654868
123 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub 10,155487 - 6,616301 - 16,771788
125 Bar, caffè, pasticceria, gelateria 10,155487 - 6,616301 - 16,771788
126 Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari
9,343048 - 4,999718 - 14,342766
127 Plurilicenze alimentari e/o miste 6,505910 - 3,567070 - 10,072980
128 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante,pizza al taglio 11,848068 - 7,057388 - 18,905456
129 Ipermercati di generi misti 6,741060 - 3,700310 - 10,441370
130 Banchi di mercato generi alimentari 17,636696 - 9,426023 - 27,062719
131 Discoteche night club 4,993114 - 2,672986 - 7,666100

Anche per le utenze non domestiche la tariffa è la somma di due quote:
QUOTA VARIABILE rapportata alla quantità dei rifiuti complessivamente prodotti nel territorio del Comune di Malnate e alle caratteristiche del servizio offerto
QUOTA FISSA quantificata in base ai costi fissi del servizio di gestione dei rifiuti urbani, ad esempio lo spazzamento stradale.
COME SI CALCOLA LA TARIFFA:
Si moltiplica la superficie per la quota fissa e lo si somma al prodotto ottenuto dalla moltiplicazione della superficie per la quota variabile:
Esempio: per una bottega artigiana di mq. 50:
(4,773079 € X mq. 50 ) + (2,547276 € X mq. 50) + 10% + 5% = € 420,92
 Quota fissa x superficie + Quota Variabile x superficie + I.V.A. + addizionale provinciale

INFORMAZIONI GENERALI
METRI QUADRATI:
La superficie dei locali si calcola con riferimento alla superficie utilizzabile sul filo interno dei muri, escluse le pareti. Nella determinazione della superficie, non si tiene conto di quella parte di essa ove per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione ,si formano, di regola, rifiuti speciali non assimilati agli urbani (art. 8 del regolamento comunale).
RIDUZIONI:
La tariffa è ridotta proporzionalmente alla quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero, con l’abbattimento della quota variabile:
- Di una percentuale pari al 10% nel caso di avvio al recupero di una quota sino al 30% dei rifiuti prodotti;
- Di una percentuale pari al 30% nel caso di avvio al recupero di una quota dal 31% sino al 59% dei rifiuti prodotti;
- Di una percentuale pari al 50% nel caso di avvio al recupero di una quota pari o superiore al 60% dei rifiuti prodotti.
Per la misurazione delle quantità di rifiuti effettivamente prodotti, si farà riferimento alla presuntiva quantità di rifiuti prodotti indicata nelle tabelle riportate all’art. 13 del regolamento comunale, il quale all’art. 17 prevede altre agevolazioni.
VARIAZIONI:
Se ci sono variazioni si deve presentare la comunicazione entro 30 giorni successivi alla data di variazione.Per variazione si intende: l’occupazione di nuovi locali, anche a seguito di cambio di domicilio, una maggiore o minore superficie dell’insediamento e/o ufficio, il venir meno delle condizioni necessarie per le agevolazioni.
CESSAZIONI:
Si deve, in ogni caso, presentare la comunicazione di cessazione se non si occupano più i locali e/o le aree produttive.
PAGAMENTO:
Per quanto riguarda il pagamento, il cittadino riceverà le fatture presso il proprio domicilio.

SE: OCCUPO NUOVI LOCALI AD USO ABITATIVO E/O AD USO ATTIVITA'
DEVO FARE: DENUNCIA D'ISCRIZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DALL'INIZIO DELL'OCCUPAZIONE CONDUZIONE

SE: MI TRASFERISCO IN ALTRA VIA DEL COMUNE 
DEVO FARE: DENUNCIA DI VARIAZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DAL TRASFERIMENTO

SE: MI TRASFERISCO IN ALTRO COMUNE 
DEVO FARE: DENUNCIA DI CANCELLAZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DALL'ABBANDONO DEI LOCALI

SE: CHIUDO L'ATTIVITA' 
DEVO FARE: DENUNCIA DI CANCELLAZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DALLA CESSAZIONE DELL'ATTIVITA'

SE: AUMENTANO/DIMINUISCONO I COMPONENTI DEL NUCLEO FAMILIARE 
DEVO FARE: DENUNCIA DI VARIAZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DALL'AVVENUTA VARIAZIONE

SE: CAMBIO LA DESTINAZIONE D'USO DEI LOCALI 
DEVO FARE: DENUNCIA DI VARIAZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DALL'AVVENUTA VARIAZIONE

SE: AUMENTA O DIMINUISCE LA METRATURA DEI LOCALI 
DEVO FARE: DENUNCIA DI VARIAZIONE 
ENTRO: 30 GIORNI DALL'AVVENUTA VARIAZIONE
 
 
 
Powered by Phoca Download
Sei qui: Home Chiedi a noi (URP) Modulistica Tasse e tributi TIA Tariffa Igiene Ambientale