Comune di Malnate

Font Size

Cpanel
Sopra

IMU Imposta Municipale Propria

Responsabile: Susanna MATERNINI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PORTALE DEI TRIBUTI
Registrandoti su questo portale hai la possibilità di effettuare un controllo dei dati IMU, TIA e TOSAP della tua posizione come contribuente del Comune di Malnate.
Puoi anche calcolare la tua IMU e stampare il modello F24 per il versamento.

IMU Imposta Municipale Propria

L’Imposta Municipale Unica, IMU, è stata istituita con D. Lgs. n. 23 14/03/2011 ed  anticipata con D. L. 201 06/12/2011 convertito in Legge 214 22/12/2011, a decorrere dall’anno 2012.
Il presupposto impositivo è il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli siti nel territorio dello Stato  a qualsiasi uso destinati ed indipendentemente dal fatto che siano o meno utilizzati, compresi gli immobili strumentali e alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa.
E’ compresa l’abitazione principale e le pertinenze, intendendo per pertinenze quegli immobili che sono classificati nelle categorie catastali C/2 – C/6  e C/7.
Sulla base dell’art. 13, comma 2 del D.L. 201/2011, le pertinenze non possono essere più di una per ciascuna delle categorie catastali.

Acconto anno 2013:
Il DL n.  102 del 31/8/2013 ha confermato che non è dovuta la prima rata dell’IMU (acconto) per queste categorie di immobili (precedentemente sospesa con il Decreto Legge 21.5.2013 n. 54) :
• abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1 – A/8 – A/9;
• unità immobiliari appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, gli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti Autonomi delle Case Popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica (ERP), comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP;
• terreni agricoli e fabbricati rurali.
Non è dovuta la prima rata di acconto IMU 2013, per le seguenti abitazioni che vengono considerate “abitazioni principali” dal  vigente Regolamento Comunale dell’Imposta Municipale Propria :si considerano abitazione principale :
a) abitazione posseduta a titolo di proprietà od usufrutto da cittadini che acquisiscono la residenza in Istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente e certificato, a condizione che non risulti locata o concessa in comodato o in godimento;
b) casa coniugale con assegnazione al coniuge disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.
 
AVVISO IMPORTANTE!
Per quanto riguarda l’abolizione della seconda rata IMU
è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge (DL 30 Novembre 2013, n. 133) che conferma la cancellazione della seconda rata IMU per le seguenti categorie di immobili:
- abitazione principale e relative pertinenze (nella misura massima di un'unità per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6, C/7), esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
- unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP;
- abitazione coniugale assegnata ad uno dei coniugi a seguito di separazione legale e divorzio (art.1 comma 1 lettera b);
- abitazione di personale appartenente alle Forze Armate (art.1 comma 1 lettera c);
- i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, di cui all’articolo 13, comma 5, del decreto-legge n. 201 del 2011, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;
- i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’articolo 13, comma 8, del decreto-legge n. 201 del 2011.
Il suddetto Decreto Legge, per problemi di copertura finanziaria sul ristoro ai Comuni dell’IMU dovuta per l’abitazione principale, ha previsto che il contribuente versi il 40% della differenza fra aliquota base del 4 per mille e aliquota deliberata dal Comune di Malnate  pari al 5,6 per mille, entro la scadenza del 16 gennaio 2014.

Per tutti gli altri immobili, la scadenza rimane il 16 dicembre 2013.

MINI-IMU PAGAMENTO ENTRO IL 24 GENNAIO 2014

Gli immobili soggetti al pagamento della mini rata IMU sono quelli che hanno beneficiato della soppressione della seconda rata dell'IMU 2013. Deve essere versata, in misura pari al 40 per cento, la differenza tra l'imposta calcolata utilizzando le aliquote e le detrazioni per ciascuna tipologia di immobile stabilite dal Comune per il 2013 e quella determinata applicando le aliquote e le detrazioni previste dalle norme statali.

PARTICOLARI MODALITA’ DI VERSAMENTO PER I RESIDENTI ALL’ESTERO
Il Ministero delle Finanze, con comunicato stampa del 31 maggio 2012, ha chiarito che nel caso in cui non sia possibile utilizzare il modello F24 per effettuare i versamenti IMU dall’estero, occorre provvedere nei modi seguenti:
· per la quota spettante al Comune, i contribuenti devono contattare direttamente il Comune beneficiario per ottenere le relative istruzioni e il codice IBAN del conto sul quale accreditare l’importo dovuto;
· per la quota riservata allo Stato, i contribuenti devono effettuare un bonifico direttamente in favore della Banca d’Italia (codice BIC BITAITRRENT), utilizzando il codice IBAN IT02G0100003245348006108000
 
DOVE RIVOLGERSI
Ufficio Tributi presso il Palazzo Comunale piazza Vittorio Veneto, 2 21046 Malnate VA
tel.: 0332275270 - 0332275271 fax: 0332429035 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
ORARIO
Lunedì: 9,00 - 12,00 / 17,00 - 18,00
Mercoledì: 9,00 - 12,00
Giovedì: 9,00 - 12,00 / 15,00 - 18,00
Venerdì: 9,00 - 12,00

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE IMU
Il termine per la presentazione della dichiarazione IMU anno 2012, ove necessaria, è stato fissato al 30/06/2013.

QUANDO OCCORRE PRESENTARE LA DICHIARAZIONE IMU
Vedi IMU istruzioni dichiarazione.

VALORE DEGLI IMMOBILI AI FINI IMU
Per determinare il valore degli immobili ai fini dell'applicazione dell'imposta in oggetto occorre tener conto:
Rivalutazioni rendite catastali
A decorre dall'anno 2012, ai fini dell'applicazione dell'IMU, sono rivalutate le rendite catastali urbane del 5%, come disposto dall'art.3, comma 48, della Legge 662/96;
Calcolo dell'imposta
- per i fabbricati appartenenti alle categorie A (abitazioni), e C (magazzini, depositi, laboratori), con esclusione delle categorie A/10 e C/1:
rendita catastale rivalutata del 5% x 160 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per i fabbricati appartenenti alla categoria B (collegi,convitti ecc.):
rendita catastale rivalutata 5% x 140 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per i fabbricati appartenenti alle categorie A/10 (uffici e studi privati):
rendita catastale rivalutata del 5% x 80 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per i fabbricati appartenenti alle categorie D (opifici, alberghi, teatri, ecc.) esclusa la categoria D05, (banche) anno 2012:
rendita catastale rivalutata del 5% x 60 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per i fabbricati appartenenti alle categorie D (opifici, alberghi, teatri, ecc.) esclusa la categoria D05, (banche) anno 2013:
rendita catastale rivalutata del 5% x 65 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per i fabbricati appartenenti alle categoria D05 (banche):
rendita catastale rivalutata del 5% x 80 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per i fabbricati appartenenti alla categoria C/1 (negozi e botteghe):
rendita catastale rivalutata del 5% x 55 x aliquota IMU per mille = imposta annua
- per le aree fabbricabili:
valore venale del terreno x aliquota IMU per mille = imposta annua

VERSAMENTO DELL'IMPOSTA
L'imposta dovuta deve essere corrisposta mediante versamento tramite modello F24, ciò consente anche al contribuente di compensare l'imposta con eventuali crediti maturati per altri tributi erariali (irpef, iva,ecc.).
Il modello F24 deve essere compilato utilizzando i relativi codici.
I versamenti non devono essere eseguiti quando l'importo annuale risulta inferiore o uguale ad € 12,00.

MODALITA' DI PAGAMENTO
Il pagamento può essere effettuato:
a) in due rate:
- entro il 16 giugno 50% dell'imposta dovuta calcolata sulla base dell'aliquota e delle detrazioni dei dodici mesi dell'anno precedente;
- entro il 16 dicembre il saldo dell'imposta dovuta per l'intero, comprensive dell'eventuale conguaglio sulla 1^ rata.
b) in un'unica soluzione:
- entro il 16 giugno l'imposta dovuta per l'intero anno in corso.

RIMBORSI
Il contribuente può richiedere al Comune il rimborso delle somme versate e non dovute, entro il termine di cinque anni dal giorno del pagamento ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione. Sulle somme dovute al contribuente spettano gli interessi nella misura prevista per Legge.

In caso di omesso o parziale versamento dell'IMU è possibile sanare la violazione effettuando, un versamento comprensivo di tributo o maggior tributo dovuto, della sanzione ridotta e degli interessi a tasso legale calcolati sui giorni di effettivo ritardo.

 

 
 
Powered by Phoca Download
Sei qui: Home Chiedi a noi (URP) Modulistica IMU Imposta Municipale Propria